CuriositàNewsPagina Nazionale

Giorno della Memoria: una medaglia al papà di Vasco Rossi

Ne dà notizia la rockstar. L’encomio ritirato dalla madre

Era il 7 febbraio del lontano 1952 quando Giovanni Carlo Rossi decise di attribuire al suo primo (ed unico) figlio il nome Vasco. Un nome atipico e sicuramente poco utilizzato nella rossa Emilia, dove il camionista Giovanni Carlo viveva la sua tranquilla vita di marito e lavoratore onesto.

Carlino – così era conosciuto il Sig. Rossi – decise di chiamare il figlio Vasco in omaggio  ad un omonimo compagno di prigionia in Germania durante la seconda guerra mondiale.

Infatti, tra i soldati italiani deportati in Germania vi era anche lui. Restò nel campo di Dortumund Stalag dal settembre del 1943 all’ottobre del 1945. Perché si era rifiutato di combattere per i tedeschi.

Due anni lunghi e impossibili da dimenticare. Carlino morì nel 1979 a soli 56 anni. Oggi la memoria di Carlino – e quella di tanti altri deportati italiani –  è stata degnamente e giustamente omaggiata con un’apposita medaglia d’onore al valor militare.

L’iniziativa è stata promossa dall’Associazione “Un ricordo per la pace”. La consegna è avvenuta nella “giornata della memoria”nel corso di una cerimonia sobria e commovente presso la Prefettura di Modena.

A ritirare il prestigioso riconoscimento è stata la Signora Novella Corsi – madre novantenne della Rockstar di Zocca, accompagnata da Luca, figlio di quest’ultimo.

A consegnare la medaglia è stato il Prefetto di Modena Dott. Pierluigi Faloni, alla presenza dei Sindaci di Modena e Zocca, cittadina dell’appennino emiliano ove risiede la famiglia Rossi.

Commossa all’inverosimile la Signora Novella che dichiara:  << Ringrazio tutti quelli che hanno lavorato per questa onorificenza, ringrazio da parte mia e da parte di Vasco, mio figlio. Spero tanto che ‘Carlino’ da lassù veda questa bella festa>>.

“È stato Vasco che ha voluto questo riconoscimento”

<< l’estate scorsa abbiamo saputo che avrebbero dato la medaglia. Vasco è stato molto contento, era molto affezionato al papà che non ha potuto vedere tutta la sua carriera>>.

E da Los Angeles, dove si trova per motivi professionale, Vasco ha lasciato un messaggio attraverso un breve video su instagram: <<Nel Giorno della Memoria, è molto importante ricordare le vite sacrificate per la democrazia e la libertà. Soprattutto in questi periodi nei quali le sirene autoritarie, demagogiche tornano a farsi sentire così forti e tornano a incantare le masse con i loro slogan facili».

Una bella iniziativa. Importante anche per i tanti fan del cantautore che conoscono la sua musica ma non le sue origini.

Documento senza titolo

Sostieni V-news.it

Caro lettore, la redazione di V-news.it lavora per fornire notizie precise e affidabili in un momento lavorativo difficile messo ancor più a dura prova dall’emergenza pandemica.
Se apprezzi il nostro lavoro, che è da sempre per te gratuito, ti chiediamo un piccolo contributo per supportarci. Vorremmo che il vero “sponsor” fossi tu che ci segui e ci apprezzi per quello che facciamo e che sicuramente capisci quanto sia complicato lavorare senza il sostegno economico che possono vantare altre realtà. Sicuri di un tuo piccolo contributo che per noi vuol dire tantissimo sotto tutti i punti di vista, ti ringraziamo dal profondo del cuore.

What is your reaction?

Excited
0
Happy
0
In Love
0
Not Sure
0
Silly
0
Giuseppe Novi
Direttore dell'Istituto Nazionale Arte Cultura Spettacolo e Direttore Artistico di Eventi di rilevanza nazionale. http://www.inacs.it/direttore-artistico/

Comments are closed.