Comunicati Stampa

Napoli. “629 – Uomini in gabbia” al Madre • museo d’arte contemporanea Donnaregina

EVENTI IN EVIDENZA

Domenica 27 ottobre lo spettacolo di Mario Gelardi

NAPOLI. Domenica 27 ottobre ore 18.00 e ore 21.00, presso il  Madre • museo d’arte contemporanea Donnaregina, andrà in scena 629 – Uomini in gabbia, progetto di Mario Gelardi insieme con la Fondazione Donnaregina per le arti contemporanee, spettacolo già applaudito al Napoli Teatro Festival e a Matera. In scena l’epopea moderna dei rifugiati: lo spettacolo nasce mettendo insieme autori provenienti da tre diversi Paesi — Spagna, Grecia e Italia —, che hanno deciso di affrontare insieme un viaggio verso la diversità, attraversando il clima di odio violento cui è approdata l’Europa. Al centro della scena una grande gabbia, all’interno della quale sarà ospitato anche il pubblico, per condividere con gli attori una compartecipazione reale allo stato d’animo di chi ha attraversato il mare per avere salva la vita. L’evento è prodotto da Fondazione Donnaregina per le arti contemporanee nell’ambito del progetto Piazza Madre in collaborazione con il Nuovo Teatro Sanità. Info e prenotazioni al 3396666426 oppure all’indirizzo e-mail [email protected]. Costo del biglietto unico 8 euro. Prenotazione obbligatoria.

Domenica 10 giugno 2018, il governo italiano non ha concesso alla nave Aquarius della flotta della Ong Medici Senza Frontiere di fare ingresso in un porto italiano. A bordo si trovavano 629 migranti, tra cui 123 minori non accompagnati, 11 bambini, 7 donne incinte. In quel momento, 629 erano anche i deputati della Repubblica Italiana: una strana coincidenza numerica, tra uomini che decidono e uomini che non hanno alcun diritto, è alla base di questo progetto. Sono due le suggestioni che guidano lo spettacolo. La prima è ispirata a “The Brig”, messo in scena dal Living Theatre — che si rifà al teatro della crudeltà di Antonin Artaud —, in cui gli attori erano rinchiusi in una gabbia, per rappresentare le brutali condizioni nelle prigioni-vascello dei marines. In quel caso, il teatro divenne un gesto politico: si voleva esorcizzare la violenza reale per mezzo della violenza teatrale. Altre gabbie, solo pochi mesi fa, erano al confine tra l’America e il Messico. Enormi gabbie in cui donne, bambini e uomini, divisi gli uni dagli altri, vivevano in attesa di sapere se potevano superare il confine tra i due Stati.

Questa nuova edizione dello spettacolo avrà luogo presso il Madre • museo d’arte contemporanea Donnaregina, nel cuore di Napoli, sulla “via dei musei”. L’edificio, risalente al XIX secolo, splendido esempio di stratificazione storica, nel 2005 ha inaugurato i suoi spazi con allestimenti site-specific ed esposizioni temporanee rivolti alla sensibilità e ai linguaggi di tutte le arti contemporanee.

«Immagino per il mio spettacolo una leggera ma grande gabbia — racconta Gelardi —, in cui richiudere il pubblico. Gli attori-rifugiati saranno alcuni dentro, altri fuori. Vorrei che questo spettacolo realizzasse la compartecipazione di uno stato d’animo, di una condizione umana, eliminando la distanza e lavorando sulla condivisione di uno spazio comune. L’idea è quella di dar vita a un’esperienza, in cui le gabbie teatrali possano sgretolare, almeno nel tempo della rappresentazione, quelle mentali». 

Costo del biglietto: 8 euro 

Info e prenotazioni: 3396666426 [email protected]

Programmazione:domenica 27 ottobre, ore 18.00 e ore 21.00 

Madre • museo d’arte contemporanea Donnaregina –  Via Settembrini 79, Napoli

SOSTIENICI!
In queste settimane di pandemia noi giornalisti, se facciamo con coscienza il nostro lavoro, svolgiamo un servizio pubblico. Anche per questo ogni giorno qui a V-news.it siamo orgogliosi di offrire gratuitamente a tutti i cittadini centinaia di nuovi contenuti: notizie, approfondimenti esclusivi, interviste agli esperti, inchieste, video e tanto altro. Tutto questo lavoro però ha un grande costo economico. La pubblicità, in un periodo in cui l'economia è ferma, offre dei ricavi limitati. Non in linea con il boom di accessi. Per questo chiedo a chi legge queste righe di sostenerci. Di darci un contributo minimo, di qualunque tipo possiate farlo, fondamentale per il nostro lavoro.
Siamo un progetto no-profit di comunicazione assolutamente innovativo in Italia e rimarremo sempre tali.
Diventate utenti sostenitori cliccando qui.
Grazie, Thomas Scalera

What is your reaction?

Excited
0
Happy
0
In Love
0
Not Sure
0
Silly
0

You may also like

Leave a reply

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.