• Dom. Ott 17th, 2021

Controlli nel settore agroalimentare in tutta Italia

Nelle scorse settimane, i Reparti Tutela Agroalimentare (RAC), sul territorio nazionale, hanno eseguito controlli presso numerose aziende del settore agroalimentare.

Nel corso delle attività sono stati rinvenuti prodotti falsamente rievocanti DOP e IGP. I risultati:

  • sequestrate 1.974 confezioni di risotti e pasta pronti e 583 confezioni vuote per mancato assoggettamento al disciplinare di produzione del Parmigiano Reggiano DOP, per un valore commerciale di 80mila euro, diffidando il titolare dell’azienda ad adempiere alla regolarizzazione delle difformità riscontrate;
  • intimate 2 diffide  ad altrettanti titolari di ditte trasformatrici che utilizzavano evocazioni delle DOP Gorgonzola, Fontina e Mozzarella di Bufala nelle etichette principali senza la prevista autorizzazione dei rispettivi consorzi;
  • ingiunzioni a sanare le irregolarità accertate nei confronti del rappresentante legale di una società di vendita  on-line , per aver indebitamente utilizzato nella presentazione e nell’etichetta dei prodotti la menzione IGP Arancia Rossa di Sicilia e la DOP Fico d’India di San Cono.

Sequestrati per mancanza di rintracciabilità:

  • 1.297,5 kg di riso;
  • 3.250kg di grano tenero;
  • 360 kg di ceci;
  • 93 kg di prodotti ittici;
  • 60 kg di carne suina stagionata destinata alla produzione di insaccati.

Nei controlli del settore lattiero caseario:

  • presso un caseificio, sono stati sequestrati 64.000 buste e incarti per il packaging riportanti indebitamente scritte e loghi riferiti alla produzione biologica, in quanto sprovvisti di certificazione alla trasformazione per il bio;
  • presso una ditta di trasformazione casearia, è stata accertata la continuazione dell’attività nonostante fosse stata imposta la sospensione della produzione per inadempienza delle prescrizioni igienico-sanitarie. Denunciato il titolare del caseificio per inosservanza dei provvedimenti dell’autorità (art.650 c.p.) e sequestrati 1.664 kg di prodotti caseari lavorati, per un valore di 10mila euro.

Infine, il proprietario di un’azienda agricola è stato sanzionato a causa della rilevata vendita di prodotti fitosanitari senza la prevista abilitazione.

Contestate  sanzioni per l’ammontare complessivo di oltre 15mila euro.

Documento senza titolo

Sostieni V-news.it

Caro lettore, la redazione di V-news.it lavora per fornire notizie precise e affidabili in un momento lavorativo difficile messo ancor più a dura prova dall’emergenza pandemica.
Se apprezzi il nostro lavoro, che è da sempre per te gratuito, ti chiediamo un piccolo contributo per supportarci. Vorremmo che il vero “sponsor” fossi tu che ci segui e ci apprezzi per quello che facciamo e che sicuramente capisci quanto sia complicato lavorare senza il sostegno economico che possono vantare altre realtà. Sicuri di un tuo piccolo contributo che per noi vuol dire tantissimo sotto tutti i punti di vista, ti ringraziamo dal profondo del cuore.

Andrea De Luca

La rassegna