• Mer. Ott 27th, 2021

Pastorano. Comunicato de Il Paese che Vorrei, la replica del vicesindaco Russo

DiThomas Scalera

Mag 15, 2016

pastorano-consiglio-comunale-600
PASTORANO. Ho letto con estrema attenzione l’articolo dell’ 11.05.2016 su questo portale, del gruppo di minoranza consiliare del Comune di Pastorano, che mi sollecitava a dare delle risposte su quanto da loro sollevato. Premesso che non è nel mio costume politico sottrarmi a qualsivoglia confronto e/o chiarimento con tutte le forze politiche, come nel passato ho sempre dimostrato, perché sono abituato, nel bene o nel male, a metterci sempre la faccia, sicuro e consapevole che solo chi non amministra può essere certo di non sbagliare. Mi è doveroso inoltre far presente che in tanti anni di amministrazione, quasi mai sono stato assente in consiglio comunale o in giunta. E’ facile sollevare dubbi o fare dichiarazioni, anche abbastanza superficiali e spesso fumose, senza avere nessuna responsabilità di gestione pubblica. I cari amici del gruppo di minoranza “Il Paese che vorrei”, che a dirla tutta, con molta onestà politica, è stato l’unico gruppo di minoranza degno di essere considerato tale, con la pubblicazione del suddetto articolo, si è fatta notare la mia assenza in consiglio comunale, ignorando (o pur sapendo?) che tanto era dovuto a dei gravi problemi di natura personale, che devono necessariamente venire prima di ogni altra cosa, anche prima dell’essere un amministratore. Mi dispiace, e lo dico con amarezza, che a questi giovani amici è mancato del tutto il buon gusto, una volta tanto, di non speculare su un momento non certamente facile nella vita di una persona. Voglio, infine, rassicurare gli stessi, che non appena avrò superato, e lo spero fortemente, questo momento negativo, sarà mia cura fornire le risposte richieste, che senza le quali sembra che qualcuno non riesca più a dormire.
Vincenzo Russo

Documento senza titolo

Sostieni V-news.it

Caro lettore, la redazione di V-news.it lavora per fornire notizie precise e affidabili in un momento lavorativo difficile messo ancor più a dura prova dall’emergenza pandemica.
Se apprezzi il nostro lavoro, che è da sempre per te gratuito, ti chiediamo un piccolo contributo per supportarci. Vorremmo che il vero “sponsor” fossi tu che ci segui e ci apprezzi per quello che facciamo e che sicuramente capisci quanto sia complicato lavorare senza il sostegno economico che possono vantare altre realtà. Sicuri di un tuo piccolo contributo che per noi vuol dire tantissimo sotto tutti i punti di vista, ti ringraziamo dal profondo del cuore.

Thomas Scalera

Il Guru