Lun. Giu 1st, 2020

V-news.it

Quotidiano IN-formazione

Sessa Aurunca. Ieri sera la marcia silenziosa per il San Rocco.

2 min read
EVENTI IN EVIDENZA

SESSA AURUNCA – Ieri sera in piazza XX Settembre, si è tenuta la prima marcia

per la chiusura dell’Ambulatorio di Ginecologia ed Ostetricia del San Rocco.

I Cittadini, nonostante numerose assenze, hanno voluto comunque far sentire la propria presenza per l’Ospedale San Rocco.

Nonostante la diffusione in rete della notizia, non si è avuto ieri sera il seguito previsto. Forse dovuto ad un’organizzazione troppo rapida dell’evento, creato in pochissimi giorni, certo è che gran parte della popolazione non era a conoscenza della marcia e dei motivi della stessa. Ad ogni modo le persone presenti ieri sera hanno voluto far sentire la propria presenza marciando silenziosamente da piazza XX Settembre fino all’Ospedale San Rocco, come segno di presenza e per affermare il proprio diritto alla salute. L’Ospedale è di tutti, se chiude un ambulatorio per tutta l’estate il problema è collettivo. La salute è un diritto fondamentale del cittadino ed è necessaria la presenza di tutti i cittadini, Amministrazione, rappresentanti della Chiesa e di tutte le Associazioni locali di ogni genere del nostro territorio, a dimostrazione che il nostro Ospedale deve funzionare e garantire i servizi necessari. Prima che queste chiusure improvvise tocchino anche ad altri reparti del nosocomio. Ieri sera è stato un primo tentativo di sensibilizzazione collettiva, che dovrà essere riorganizzato andando a coinvolgere in maniera capillare il territorio del nostro Comune e dei Comuni limitrofi, dato che l’Ospedale è indispensabile sia per i cittadini di Sessa Aurunca sia per tutti quelli dei Comuni circostanti.

Le donne per il reparto Ginecologia ed Ostetricia

SOSTIENICI!
In queste settimane di pandemia noi giornalisti, se facciamo con coscienza il nostro lavoro, svolgiamo un servizio pubblico. Anche per questo ogni giorno qui a V-news.it siamo orgogliosi di offrire gratuitamente a tutti i cittadini centinaia di nuovi contenuti: notizie, approfondimenti esclusivi, interviste agli esperti, inchieste, video e tanto altro. Tutto questo lavoro però ha un grande costo economico. La pubblicità, in un periodo in cui l'economia è ferma, offre dei ricavi limitati. Non in linea con il boom di accessi. Per questo chiedo a chi legge queste righe di sostenerci. Di darci un contributo minimo, di qualunque tipo possiate farlo, fondamentale per il nostro lavoro.
Siamo un progetto no-profit di comunicazione assolutamente innovativo in Italia e rimarremo sempre tali.
Diventate utenti sostenitori cliccando qui.
Grazie, Thomas Scalera

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.

Open

Close