• Lun. Ott 18th, 2021

“Carne Viva” di Nadia Verdile alla Reggia di Carditello

Presentazione dell’ultimo libro di Nadia Verdile alla Reggia di Carditello

REAL SITO DI CARDITELLO – In una delle residenze borboniche più belle, la Reggia di Carditello, giovedì 26 agosto, alle 19.30, sarà presentato l’ultimo libro di Nadia Verdile, Carne viva. Una saga italiana tra Otto e Novecento, per i tipi di Pacini Fazzi Editore. A parlare con l’autrice ci sarà, dopo i saluti del direttore Roberto Formato, Maria Beatrice Crisci, direttrice del network Ondawebtv. Dopo sedici libri di taglio storico – biografico, la scrittrice molisana, adottata da Caserta, approda al romanzo storico. In tour dallo scorso aprile, il libro ha raccolto grandi consensi di critica e apprezzamento dei lettori. Fine Ottocento. Tempo di fame e di stenti. Nel Molise ancora unito all’Abruzzo la povertà era la regola. Dopo gli anni ribelli e tragici del brigantaggio, in quello scorcio di fine secolo, tutto era precipitato nell’oblio delle Istituzioni. Padroni da una parte, servi dall’altra. Ma anche per i ricchi qualche volta c’erano i divieti. Amare, per esempio, era un lusso non necessario. Qualche volta bandito. Da questo aborto obbligato dei sentimenti «sono nata io – dice l’autrice -, qualche generazione dopo». Questa è la storia di Concetta e Umberto, i suoi bisnonni, figli di un tempo e di una società che marchiavano a fuoco i destini, segnati per sempre dalla scala sociale. Storia di una famiglia, ma anche paradigma e saga di un popolo con i suoi squilibri sociali, i drammi della miseria, dei pregiudizi, dell’emigrazione, delle contrapposizioni ideologiche e politiche. Di persone e gruppi, famiglie e classi, archetipi di una società i cui problemi ancora oggi sono carne viva. Allora, al tempo dei protagonisti e della corolla di personaggi e discendenti che ad essi si accompagna, erano tragica realtà, da accettare con la rassegnazione dell’ignoranza, della cristallizzazione delle convenzioni e dei rapporti sociali dei secoli precedenti. «In questa narrazione – spiega l’autrice – tutto è vero. Persone, nomi, passioni, fatti, viaggi, epiloghi ricostruiti in anni di ricerche negli Archivi di Stato e in quelli familiari, nelle scatole celate, per un secolo mai aperte, nella soffitta della mia famiglia. Carne viva è la mia, è quella della mia gente, dei miei avi, della mia terra». Una copertina d’autore segna il testo. È di Lewis Hine, tra i più grandi fotografi sociali della storia, occhio narrante dell’emigrazione a cavallo dei due secoli, la foto che campeggia sotto “Carne Viva”. «Sono molto contenta – dice Verdile – di tornare a Carditello con questo mio ultimo libro. Sono grata alla Fondazione che mi ha voluta in un luogo che rappresenta, più di qualsiasi altro, il riscatto. Quel riscatto che i miei avi cercarono. Inutilmente». In programma, a partire dalle ore 18.30, i voli ancorati in mongolfiera con Volare sull’Arte e le degustazioni di Falanghina nel suggestivo bosco di cerri, in collaborazione con Associazione Italiana Sommelier e Assessorato Agricoltura della Regione Campania. L’iniziativa rientra nella programmazione di “ReSpira”, il Carditello Festival diretto da Antonello De Nicola.

Documento senza titolo

Sostieni V-news.it

Caro lettore, la redazione di V-news.it lavora per fornire notizie precise e affidabili in un momento lavorativo difficile messo ancor più a dura prova dall’emergenza pandemica.
Se apprezzi il nostro lavoro, che è da sempre per te gratuito, ti chiediamo un piccolo contributo per supportarci. Vorremmo che il vero “sponsor” fossi tu che ci segui e ci apprezzi per quello che facciamo e che sicuramente capisci quanto sia complicato lavorare senza il sostegno economico che possono vantare altre realtà. Sicuri di un tuo piccolo contributo che per noi vuol dire tantissimo sotto tutti i punti di vista, ti ringraziamo dal profondo del cuore.

Comunicato Stampa

I comunicati stampa