• Gio. Ott 28th, 2021

San Felice a Cancello. Ospedale, Ferrara: "Dobbiamo unirci per la difesa del presidio"

SAN FELICE A CANCELLO. “Con un’utenza che supera le 60mila persone, non possiamo  e non dobbiamo permettere che il nostro Presidio Ospedaliero sia, attualmente, in condizioni così disastrose”. Questo il commento del candidato sindaco Giovanni Ferrara sulla situazione  dell’Ave Grazia Plena. L’aspirante fascia tricolore, ha da tempo a cuore le difficoltà costanti di personale infermieristico, medici ed utenti che, loro malgrado, si trovano in situazioni quasi da terzo mondo.  “Si pensi che le autoambulanze, di numero già esiguo, sono  private giorno dopo giorno- continua Ferrara-del personale tecnico . Medici ed infermieri, infatti, vengono spostati nella struttura sanitaria a causa della mancanza di operatori. Questo comporta di fatto un grave rischio per la pubblica utenza che si potrebbe trovare sotto casa un’autoambulanza senza personale”. Ferrara fa una promessa “il mio primissimo e costante impegno, nonché base fondamentale del mio programma elettorale, sarà quello di garantire a tutti, un servizio pubblico che sia rispettoso della dignità degli ammalati e che sia il fiore all’occhiello di tutta la provincia, a costo di incatenarmi ai cancelli di Palazzo Santa Lucia. Andrò in Regione un giorno sì ed anche l’altro affinché il nostro Presidio sia un’ eccellenza , naturalmente con la collaborazione  fattiva dei sindaci della Valle e di tutti coloro che si vorranno fare promotori di un progetto di rinascita. Dobbiamo abbandonare individualismi e protagonismo e unirci per la difesa dell’ospedale e la tutela del diritto alla salute”.

Dott. Giovanni Ferrara

Leggi anche:

Documento senza titolo

Sostieni V-news.it

Caro lettore, la redazione di V-news.it lavora per fornire notizie precise e affidabili in un momento lavorativo difficile messo ancor più a dura prova dall’emergenza pandemica.
Se apprezzi il nostro lavoro, che è da sempre per te gratuito, ti chiediamo un piccolo contributo per supportarci. Vorremmo che il vero “sponsor” fossi tu che ci segui e ci apprezzi per quello che facciamo e che sicuramente capisci quanto sia complicato lavorare senza il sostegno economico che possono vantare altre realtà. Sicuri di un tuo piccolo contributo che per noi vuol dire tantissimo sotto tutti i punti di vista, ti ringraziamo dal profondo del cuore.

Thomas Scalera

Il Guru