• Gio. Ott 28th, 2021

Le dichiarazioni di Maria Belfiore, leader della lista Alleanza per Capodrise

CAPODRISE. «Alla domanda di un giornalista sugli sversamenti illeciti e la tutela del territorio, ho definito disastrosa la gestione dei rifiuti da parte della giunta Crescente-Negro. Questa verità universale, questa palese ovvietà ha indispettito Vincenzo Negro, che di Angelo Crescente si è candidato a essere l’erede». Lo dichiara Maria Belfiore, leader della lista Alleanza per Capodrise, la quale ha replicato a un post dell’avversario. «Ricordo a me stessa che, negli ultimi anni, l’unica volta che Capodrise ha conquistato la ribalta delle cronache nazionale è stata il 4 febbraio 2020, giorno in cui il Nucleo operativo ecologico dei carabinieri di Caserta sequestrò un’area di circa 4mila metri quadri all’interno del nostro campo sportivo, su cui erano stati stipati ingenti quantitativi di rifiuti (coperture di amianto, guaine bituminose, pezzature di asfalto, plastica, ferro, legno, vetro, corrugati, vecchi pneumatici); il tutto, peraltro, depositato a cielo aperto e sul nudo terreno, senza alcuna protezione. Negro dice – aggiunge Belfiore – di non essere mai stato assessore ai rifiuti, ma non occorreva nessuna delega per accorgersi di quello scempio, per porvi rimedio o, perlomeno, per denunciarlo. Il sequestro fece così scalpore che il ministro all’Ambiente dell’epoca, Sergio Costa, si complimentò con il Noe e la notizia fu ripresa da giornali e Tg. Il mio avversario pretenderebbe che la promessa di un centro di raccolta (spacciato per isola ecologica) e le pulizie elettorali di questi giorni facciano dimenticare anni di gestione fallimentare del territorio; beh, non funziona così! Tutt’altro argomento, invece, è la raccolta differenziata, nella quale, nonostante chi ci governa, noi cittadini di Capodrise siamo bravi. Ma per le virtù – conclude Belfiore – non vale la proprietà transitiva».

Documento senza titolo

Sostieni V-news.it

Caro lettore, la redazione di V-news.it lavora per fornire notizie precise e affidabili in un momento lavorativo difficile messo ancor più a dura prova dall’emergenza pandemica.
Se apprezzi il nostro lavoro, che è da sempre per te gratuito, ti chiediamo un piccolo contributo per supportarci. Vorremmo che il vero “sponsor” fossi tu che ci segui e ci apprezzi per quello che facciamo e che sicuramente capisci quanto sia complicato lavorare senza il sostegno economico che possono vantare altre realtà. Sicuri di un tuo piccolo contributo che per noi vuol dire tantissimo sotto tutti i punti di vista, ti ringraziamo dal profondo del cuore.

Comunicato Stampa

I comunicati stampa