• Mar. Ott 19th, 2021

Compianta consorte di Pasquale Sposato di Piedimonte Matese

La città di Grosseto, nel pomeriggio di domani, venerdì 9 luglio, intitolerà ufficialmente una strada alla memoria di Maria Alessandra Barbantini, già questore del capoluogo della Maremma che, nel gennaio 1993, fu la seconda donna nella storia della Repubblica Italiana, ad essere designata al vertice di una Questura.

Con una cerimonia formale in programma alle ore 17, nella frazione Braccagni, il sindaco e presidente della Provincia di Grosseto, Antonfrancesco Vivarelli Colonna, ed i familiari dell’illustre alto funzionario dello Stato scopriranno la targa con la nuova intitolazione toponomastica di “Via Maria Alessandra Barbantini” che, d’ora in poi, campeggerà sul tratto di strada della vecchia statale Aurelia. 

Barbantini è la compianta consorte di Pasquale Sposato, illustre figlio di Piedimonte Matese e già Questore di Siena, oggi a riposo, che domani pomeriggio, unitamente ai figli Pierluigi, giornalista professionista presso la redazione del quotidiano “Il Tirreno”, ed Elena, consulente della Regione Toscana in materia di formazione, parteciperà alla cerimonia ufficiale di intitolazione della strada all’amata moglie e mamma, non senza condividere con la sua comunità piedimontese di origine, la gioia e la commozione per il prestigioso riconoscimento che la città di Grosseto ha inteso tributare alla dottoressa Bragantini.

Un legame mai spezzatosi ma sempre ben saldo, nonostante i tanti anni di carriera e di vita fuori regione per motivi di lavoro e di famiglia, quello che lega Pasquale Sposato con la città di Piedimonte Matese che, non a caso, nel 1989, spinse il Consiglio Comunale a conferirgli, all’unanimità, la “Cittadinanza benemerita”, per aver dato lustro alla sua Città natale per le sue doti di ingegno, cultura e umanità.

Documento senza titolo

Sostieni V-news.it

Caro lettore, la redazione di V-news.it lavora per fornire notizie precise e affidabili in un momento lavorativo difficile messo ancor più a dura prova dall’emergenza pandemica.
Se apprezzi il nostro lavoro, che è da sempre per te gratuito, ti chiediamo un piccolo contributo per supportarci. Vorremmo che il vero “sponsor” fossi tu che ci segui e ci apprezzi per quello che facciamo e che sicuramente capisci quanto sia complicato lavorare senza il sostegno economico che possono vantare altre realtà. Sicuri di un tuo piccolo contributo che per noi vuol dire tantissimo sotto tutti i punti di vista, ti ringraziamo dal profondo del cuore.

Comunicato Stampa

I comunicati stampa